Marketing turistico comunicazione | social
Comunicazione

Le 5 cose fondamentali per il marketing del turismo

L’estate è alle porte e ben presto il turismo vivrà uno dei momenti più intensi della stagione. È infatti proprio questo il momento durante il quale un gran numero di visitatori, italiani e stranieri, decidono di intraprendere quel viaggio tanto desiderato per tutto l’inverno. I prossimi mesi saranno impegnativi per tutti gli operatori del turismo ma saranno altrettanto indimenticabili per i viaggiatori che approderanno sulle nostre spiagge, sulle nostre colline o nelle nostre meravigliose città italiane.

Ma come ci si prepara? Oggi su comunicazione | social tratteremo l’argomento dedicato al marketing del turismo, ossia parleremo di tutte quelle strategie che gli operatori turistici di piccole o medie dimensioni dovranno intraprendere per soddisfare le esigenze dei propri clienti e per raggiungere i propri obiettivi.

PREMESSA: IL MARKETING

Il marketing è quella disciplina che racchiude in sé principi di economia e di psicologia, senza però dimenticare materie come la letteratura, la comunicazione, le ricerche sociali, la filosofia… insomma, si tratta di un tema molto ampio e trasversale!
Per dare una breve definizione di cosa sia il marketing ci rifacciamo al testo «Marketing strategico e operativo» di J.J. Lambin:

«Il marketing è un processo sociale orientato alla soddisfazione dei bisogni e dei desideri degli individui e delle organizzazioni che interagisce con la creazione e lo scambio volontario e concorrenziale di prodotti e servizi generatori di utilità per gli acquirenti».

Ci sono quindi tre concetti rilevanti:

  • bisogno, legato alle motivazioni e ai comportamenti del consumatore;
  • prodotto/servizio, legato all’azione e alla produzione/erogazione da parte dell’impresa
  • scambio, il mercato e i meccanismi di domanda e offerta tipici del contesto.

Il marketing diventa fondamentale per collegare questi tre concetti, per studiare le strategie più efficaci per soddisfare le persone e permettere alle piccole o medie imprese di raggiungere i propri scopi.

5 COSE FONDAMENTALI PER IL MARKETING DEL TURISMO

5 COSE FONDAMENTALI PER IL MARKETING DEL TURISMO comunicazione | social

1. Dalle persone per le persone

Le imprese di piccole o di grandi dimensioni sono fatte di persone e si rivolgono a persone. Anche nel turismo. È banale tanto quanto fondamentale tenerlo bene a mente.
Le persone nel turismo hanno esigenze diverse, hanno desideri diversi e provengono da contesti culturali sempre più differenziati. Questo è rilevante sotto diversi punti di vista:

  • Conoscere il proprio pubblico per conquistarlo!

    Offrire servizi diversificati per gruppi di persone con interessi comuni, che quindi sceglieranno la nostra struttura per il loro turismo, proprio per quella caratteristica che non trovano altrove. Ad esempio un albergo di Riccione può optare per servizi dedicati ai giovanissimi che scelgono la località romagnola per weekend in riviera tra discoteca e spiaggia e offrire loro la possibilità di fare colazione fino alle 11.00; o ancora uno stabilimento balneare della provincia di Ravenna può proporre un corso di ginnastica dolce per persone mature da svolgersi di primissima mattina.

  • Promozioni o sconti per nuovi clienti… senza dimenticare quelli più fedeli!

    Come tutti noi sappiamo esistono periodi più o meno attraenti per il turismo e ciò si riflette sulla capacità di un operatore turistico di avere prenotazioni costanti o comunque ospiti anche in momenti meno movimentati. Anche in questo caso ci viene in aiuto il marketing e, sempre considerando diversi elementi da tenere sempre d’occhio, ci garantisce lo studio di diverse strategie. Un esempio? Un albergo della Versilia può offrire un certo numero di camere a prezzi agevolati a nonni che desiderano andare in vacanza con i propri nipoti. Quando? Ovviamente terminato il periodo scolastico. O ancora, un ristorante sul lungolago di Iseo può offrire un buono sconto da consumarsi nella prenotazione successiva per le comitive sopra alle dieci persone.
    Ma non dimenticare mai i clienti più fedeli! La famiglia Rossi è stata ospite nel vostro albergo nelle due settimane centrali di agosto scorso? Perché non proporre a loro per primi la possibilità di prenotare la stessa vacanza promettendogli quella visita al parco che l’altra volta non hanno potuto fare?

comunicazione | social consiglia: le parole hanno valore, qualsiasi sia la vostra attività le persone sono ospiti e non clienti.

2. Internet e social media e perché no un’app?

Nel settore dei servizi legati al turismo ci sono almeno tre momenti fondamentali che collegano chi li propone e chi ne usufruisce:

  • la ricerca
  • l’esperienza
  • il ritorno a casa

A questi si possono collegare altrettanti strumenti che permettono non solo la soddisfazione degli ospiti ma anche il raggiungimento di persone potenzialmente interessate al servizio offerto e a una esperienza che potranno ricordare per tutta la vita. A fianco degli strumenti tradizionali come la pubblicità su carta stampata o in radio e le collaborazioni con le agenzie viaggi, sono oggi indispensabili quelli che sfruttano il web e che, per questo, permettono anche di:

  • raggiungere un numero elevatissimo di persone
  • tracciare i risultati ottenuti
  • velocizzare il contatto diretto.

Vediamone alcuni:

  • Sito web

    Indispensabile per farsi trovare, quindi strategico nella fase di ricerca da parte dei potenziali futuri ospiti. Il sito web ideale deve essere informativo, invitante e coerente con la realtà, con le aspettative e con la strategia dell’hotel o dell’organizzazione turistica. Ad esempio per un albergo è utile avere un box per le prenotazioni, una pagina con i servizi dettagliati che si offrono (avete mai pensato di inserire le piantine con le dimensioni delle vostre camere?) e anche un sistema di recensioni interno con valutazioni reali. O ancora per uno stabilimento balneare è utile avere il listino prezzi con eventuali promozioni e servizi offerti, il menù per la colazione o il pranzo, il programma delle attività che si possono organizzare in spiaggia.

  • Social media

    Sono ormai parte integrante della nostra vita e, soprattutto, hanno ribaltato il processo di acquisto di prodotti e servizi, anche nel turismo. Lo sapevate che ora le persone interessate all’acquisto consultano i social media per decidere se ne valga la pena? E allora perché non farsi trovare? Ma attenzione, un profilo social non può sostituirsi a un sito internet, bensì può essere complementare. Le persone vi cercheranno, guarderanno le immagini che pubblicherete voi e quelle dei vostri ospiti che si taggheranno nella vostra struttura, leggeranno le recensioni e noteranno cosa, come e quando scrivete. È meglio farsi trovare pronti, coerenti e professionali, vero?

  • Messaggistica istantanea

    Correlata in modo stretto con i social media, oggi le persone vogliono sempre più informazioni. E le vogliono subito, soprattutto per il turismo. Ecco perché potrebbe essere utile stabilire una relazione anche attraverso servizi di messaggistica istantanea come WhatsApp o Facebook Messenger. Alcune regole base: indicare quando e se si è disponibili a usare questi strumenti, essere veloci e pertinenti nelle risposte, ringraziare per il contatto ed essere educati. Banale? No.

  • App

    I dispositivi mobili come cellulari e tablet sono sempre più diffusi e usati dalle persone per ricercare informazioni, scattare fotografie da condividere sui social, valutare i luoghi in cui si trovano e trovare cose da fare prima o dopo essere stati nel posto desiderato. Perché far perdere tempo a loro per cercare queste informazioni quando possono trovarle tutte nella nostra app? Diciamolo subito, è un investimento non da poco ma quello che si può fare è inimmaginabile: ad esempio si possono dare info a seconda del luogo in cui ci si trova, si può usare per prenotare e anche per pagare, si possono sfruttare i QR code per dare informazioni o accedere ai servizi, si possono inviare notifiche push ai propri ospiti, si può offrire un calendario con gli eventi e i periodi migliori per visitare la struttura. Interessante, no?

comunicazione | social consiglia: vitale l’uso delle immagini. Devono essere reali, professionali, ottimizzare per il web. E devono far sognare!

3. Sinergia

Un territorio attrae se offre dei servizi, delle esperienze, delle emozioni. Ecco perché è indispensabile (davvero) concorrere al suo sviluppo grazie alla forza di tutte le organizzazioni turistiche presenti. L’unione fa la forza anche nel turismo: non è solo un modo di dire ma una cara realtà. Alzare la qualità della nostra struttura e quella dei nostri partner aumenta l’attrazione del territorio e ci permette di guadagnare vantaggi condivisibili a tutti. Allora perché non impegnarsi? Alcuni esempi: un albergatore può inserire nei provi servizi una convenzione con la migliore gelateria della zona, con il migliore stabilimento balneare, con il migliore ristorante. Il gestore della spiaggia davanti ad un campeggio può offrire sconti agli ospiti, un ristorante può segnalare ai propri fedeli clienti il posto migliore per acquistare il ricordo della loro vacanza o il pub dove trovare la birra più buona della zona. Attenzione anche alle attrazioni pubbliche: perché non offrire pacchetti a coloro che sono interessati a raggiungere la nostra località in occasione della festa del paese?
La sinergia tra attori del turismo è un’occasione di crescita per tutti… non lasciamocela sfuggire!

comunicazione | social consiglia: crea legami con realtà turistiche complementari alla tua, cerca un confronto e offri servizi congiunti per i tuoi ospiti. Loro potranno così migliorare la loro esperienza e ricordarsela come positiva.

4. Esperienza

Le persone cercano esperienze da raccontare una volta tornati a casa e sono i primi a volerla condividere sui social media o tramite il passaparola. Un’esperienza positiva è la nostra pubblicità più efficace ed è anche un’occasione in più per volerla rivivere. Quindi ad esempio un hotel non offre una camera ma un’opportunità di relax, uno stabilimento non offre un ombrellone e un lettino ma l’occasione perfetta per abbronzarsi, fare sport e riposarsi subito dopo, un ristorante non offre una cena ma dà la possibilità di creare la giusta atmosfera nel posto più accogliente. Cambia la prospettiva, stuzzica la mente!

comunicazione | social consiglia: cambia la tua prospettiva, offri ai tuoi ospiti esperienze da ricordare e di cui parlare con gli amici. Il passaparola tradizionale e sui social media è una forma preziosissima di marketing gratuito.

5. Strategia

Gli spunti di riflessione che abbiamo descritto finora sono solo alcune idee per migliorare la propria visione di insieme e offrire un’esperienza più accogliente grazie a servizi pensati e indirizzati agli ospiti reali e ideali che vogliamo per la nostra realtà. Tutto questo, però, deve essere per forza inserito all’interno di una strategia centrata sul turismo che sia mirata e definita e che tenga conto di diversi fattori tra cui:

  • la nostra offerta attuale
  • la nostra offerta futura
  • i destinatari che vogliamo raggiungere
  • il territorio in cui siamo
  • le altre organizzazioni turistiche presenti
  • i nostri obiettivi
  • le nostre possibilità
  • il nostro budget
  • le nostre risorse

Collocare questi elementi è indispensabile per ottenere dei risultati nel breve, nel medio e nel lungo periodo. Bisogna avere una visione d’insieme e procedere con pochi ma chiari interventi che siano coerenti e professionali.
È bene affidarsi a un esperto della comunicazione e del marketing che possa aiutarci a crescere e a raggiungere i nostri obiettivi in modo professionale e coerente. Una gestione approssimativa della strategia e della sua esecuzione può allontanare gli ospiti e rendere meno attraente la nostra realtà imprenditoriale legata al turismo.

comunicazione | social consiglia: contatta uno specialista della comunicazione e del marketing, investi nella promozione e nella comunicazione della tua attività. Ne trarrai benefici sul medio e lungo periodo.

La tua opinione

Cosa pensi di questo argomento? Lascia il tuo commento qui sotto e se hai trovato interessante questo articolo non dimenticare di condividerlo sui social media!

Leave a Reply