Il real time marketing è ancora efficace?
Social media

Il real time marketing è ancora efficace?

Che cosa è il real time marketing? Si tratta di un insieme di iniziative che un’azienda mette in atto per raggiungere in tempo reale i propri destinatari. La loro particolarità risiede nel fatto che questi contenuti – veicolati per lo più sui social media – sono collegati in modo stretto con i fatti di attualità.

All’inizio fu Ceres

La prima azienda che ha iniziato a produrre questo tipo di contenuti pubblicati sui propri profili social è forse Ceres, impresa che distribuisce birra. I destinatari prevalenti di questa comunicazione sono quindi ragazzi e giovani adulti: persone per loro natura iper-connessi, con comportamenti spesso standard, interessati a ciò che è nuovo e a ciò che è “leggero”. Ed ecco che sulla spinta di queste caratteristiche, Ceres ha iniziato a monitorare le notizie di attualità e a proporre una propria “versione dei fatti” o una propria “risposta” attraverso contenuti brandizzati che si inseriscono in modo perfetto all’interno del messaggio.

La perseveranza nella pubblicazione di questi post, ha fatto sì che spesso le persone andassero a cercare proprio la risposta di Ceres al tal avvenimento, alla tal dichiarazione, alla tale notizia. I contenuti accattivanti, completamente in target e, appunto, immediati, colpiscono le persone che sono così portate a condividerli più e più volte, amplificando in modo esponenziale il messaggio facendolo proprio.

Post social Ceres, in risposta all’assoluzione dell’ex primo ministro Italiano

Nel corso del tempo, altre imprese o figure di spicco hanno seguito le orme di Ceres, dando una loro visione particolare agli avvenimenti quotidiani veicolando sempre un messaggio apparentemente non commerciale. Oggi, il real time marketing è una prassi ben consolidata e, se vogliamo, piuttosto inflazionata. Eccone alcuni esempi.

  • Post social IKEA in seguito all’esonero di Ventura come commissario tecnico della Nazionale Italiana di calcio
  • Post social Tempo per la canzone “Hello” di Adele

  • Video Barilla, Covid 19

Programmato o spontaneo?

Gli avvenimenti che possono scatenare questa prassi sono tra i più disparati: dalla nascita del royal baby, alla dipartita del personaggio che ha fatto la storia di un’epoca. Come facilmente prevedibile, in casi come questi, è possibile programmare i contenuti ossia crearli e studiarli in modo che possano essere il più efficaci possibili.

Sappiamo, però, che non tutto è prevedibile. Anzi, la maggior parte delle notizie non lo è, perciò si tratta di dover pensare, creare e diffondere il contenuto in modo più veloce possibile e, ovviamente, più efficace.

Efficace, sì o no?

Non è dato sapere se il real time marketing possa avere un’incidenza diretta sulle vendite di un prodotto rispetto ad un altro. La cosa certa è che se fatto in modo corretto e creativo può essere un valido strumento per accrescere la propria visibilità o consolidare il proprio posizionamento. La creatività è un elemento essenziale del real time marketing, insieme alla scelta del tono di voce che deve essere sempre coerente a quello per la propria impresa e della capacità di raggiungere in modo veloce i destinatari della comunicazione.

Quando usarlo. E quando farne a meno

Abbiamo parlato di creatività come concetto fondamentale del real time marketing. All’aumentare dei contenuti proposti secondo questa logica, la creatività può venir meno e quindi si può ottenere un effetto contrario a quello ricercato: cadere nell’ovvio, nel banale.

Questa è la ragione principale per cui bisogna imparare a calibrare bene la capacità di risposta, di produzione dei contenuti, senza correre il rischio di appiattire la voce e il posizionamento.

Sono numerosi gli esempi di imprese che hanno fatto del real time marketing la propria strategia principale, correndo il rischio di diventare scontati e di essere una delle tante voci attorno ad un argomento.

In conclusione

Prendendo ispirazione da un proverbio famoso: il real time marketing è bello quando si usa poco (e bene).

Lascia un commento